Estratti da “Fly mode” (Amos Edizioni, 2020)
by Bernardo Pacini

 

Abissato in questo sogno meridiano
immobile / nella tratta dei venti
io vedo tutto.

Come ora: una serqua di frisoni s’impenna tra le lapidi.
Lussano crisantemi, snidano pomone
i seni grandiosi drizzati coi mignoli.

Animals as leaders, penso: i musi enormi che sniffano
la cenere dei vivi.
Scuotono il seminterrato
                                                        la famiglia divampa
in roghi differenti.

All’esterno si vede bene
l’orso blu al finestrone:
guarda dentro
                                  la bazza
a millimetri dal vetro.

Per quanto ancora non ci creda
sono io, sono solo un
                                               grosso orso blu
che guarda dentro.

II

Anche così, gravitando a velocità nulla e
                                                                                          quota costante
io vedo tutto.

L’ira manganese del cielo, il suo cranio sudato.
Aleppo. Il dentro delle case che crolla.

Sono in tre i krampus a menare quel negro
usano sagome di renna, snudano pezzi
                                                                                       di cartoni animati
con cui fracassano le ossa, lo sterno
fesso del mondo.

In 4:3 sarà uno spettacolo atroce
ciò che non esiste, ciò che non sa più d’esistere
                                                                                                         desisterà
diventerà una fase standard del discorso.

Print Friendly, PDF & Email
Please follow and like us: