Per il cantiere culturale salentino
by Carmine Lubrano

 

per il Cantiere CulturaleSalentino
( Verri, Toma, Ruggeri, Dodaro. . . )

il sud dei poeti è l’aglio e l’uoglio
che piaceva pure a ‘u rre
il sud dei poeti è la calce bianca il polso dei morti
al languore dei tetti il canto dai campi di tabacco
le donne sedute co in grembo le pietre ed i santi
lordi di sangue
il sud dei poeti è un gufo tra i gerani
la famosa pianta dei cornuti
così come le parole perdute tra le ruote
di un carro lento e pigro
che si trascina tra le siepi di fichi
ed ora che abbiamo la radio ed il telegrafo
ancora al pozzo beviamo l’acido e lo sporco
tra serpi e scorpioni
il sud dei poeti dalla zeta all’antipoetica
è la passeggiata tra i seni altri di altre lune
cercando il pane ed il miele alla torre del Serpe
e sotto la neve nel vento che con la voci delle foglie
apre i germogli ed asciuga dalla fronte il sudore
il sud dei poeti è tra i frisi e le comete la crusca
e la briscola i biscotti tedeschi il rosso dei pomodori rossi
e la giovane sposa
il sud dei poeti è camminare danzando
come faceva il gigante
è svestirsi ubriacarsi pisciare all’angolo della locanda
fare SCRAP ancora e con le parole di Picabia
e tra Joyce e Quenau
i nostri esercizi di stile in un antropico giro tondo
ritmando tra Napoli ed il mare e con la melodia
della palude che rischia l’infinito
e tra la ferita di mura messapiche e l’arsura
di una canzone gravida di fughe e di esilio
ora nodo che si annoda che s’allenta e s’ammorza
si annida nell’amplesso di amanti randagi
rimasti senza voce nella grotta con l’acqua
il sud dei poeti nell’impronta inclinati
tra Napoli ed il Salento e non basta Isabella
la fabula comica amorosa al congedo
nelle pagine del travaso
il sud dei poeti è nelle acque salvifiche
e tra i boschi dove sono scomparsi
i basiliani monaci
il sud dei poeti è tra i centodieci versi
dedicati a Bodini che già aveva tradotto Don Chisciotte
ed amava i surrealisti spagnoli
il sud dei poeti è la 126 blu
che si schianta contro un ulivo
nella notte tra l’otto ed il nove di maggio
E SOLO ALLORA SEPPERO CHE ERA STATO UN POETA
quel gigante che andava in giro con la piccolissima auto
nella terra del “mamma li turchi”
il sud dei poeti è Luciano che incontra Francesco Saverio
è la lettera scritta a Carmelo Bene
è un cantiere culturale per concertare i sogni
contro l’accademico borioso
è fare fogli di poesia da spedire ai gabellieri
ai sindacalisti ai capitani d’industria
usare la loro stessa lingua le loro parole di merda
e per disarmarli
FATE FOGLI DI POESIA POETI
il sud dei poeti è la notte del Santo
con l’incanto della stutata
è il bordello dei versi con alito salso
tra maletiempo annegato ai postriboli
e perucchie scurtecate
è serenata
napulitana
tra latrine in vetrina
e schizze di papaveri ammalati ciure ammusciati
pagina traduta tremori fottuti tarocchi ta ran to la ti
aglio e uoglio
FATE FOGLI DI POESIA POETI
FATE
FOGLI
DI
POESIA

 

***

 

qui a Roca si fa l’amore al sole e non si suda mai
a San Foca il ragno non morde e pure a Galatina
e Nardò ed a Porto Badisco scrivo il tuo nome
con il guano di pipistrelli
taranta taranta contro ‘o scuro
taranta taranta conto ‘a paura
taranta taranta ‘i more s’ nun canto
taranta taranta na zefera ‘e viento
vajassa in amplesso si giostra tra zizze e maruzze
mosche e jastemme al negozio del vizio
supplizio
s’infotte a la grotta attratta e sedotta
corrotta l’unguenta dell’urna
mena mena tunna tunna prena prena
mpisa mpisa trase trase
vase vase sutta sutta
pija pija tuzza tuzza
mozzaciata avvilinata
e sono qui in Salento e con la Ferragni
a ballare la taranta taranta taranta
anche se il ragno non ama Instagram
e balla balla giru giru la suttana
sona sona tamburreddhu
taranta di dolore pizzica d’amore
grika insalata ulie cazate purpe furese
tra mura messapiche le gravide donne
gravide pisciano al pozzo
nel bordello dei baci col morso la jarsura
alle gonfie mammelle
ed il tempo del ragno si trascina tra le corde
della chitarra tremando tramando
esplode la pietra nella cocente palude
tormenta la quiete acquisita t’invita
tra l’infinito e l’oblio col sazio meriggio
che inneggia al chiarore lunare
e tra opulente parole
Lu Santu Paulu de li scurpiuni
tra merd’ ‘e criature
e tutti sti munacielli e munachelle zitelle zitelle
a maritare zita a nzurare
scisciando mappine su lu tratturu
e pe lu cazzatore
e pizzica pizzica pizzica di puzzo pizzica di ronda
intanto che tantu puzzo stuppagliuso
turare si possa cu pizzicogna di ronda
pizzica pizzica zizze ‘e maronna
nonnanonna nunnarella nuena canti-lena
letania priera e jastemma
canzona che guarda ‘o mare
‘o mare ch’allucca e chiagne vuommeco
e avemaria avemaria e vuommeco
e po’ s’arriposa e t’arrefresca
schiatt’ ‘o core e te spertosa e vase
e si balla e si canta con le mani sudate
i piedi scalzi ma la pizzica si sa è un’altra cosa
nun pizzica lycosa
la femmina scappa e si lascia inseguire
sputato il veleno tra tutti li santi e li amanti
con l’urto con l’onda
si balla si canta si balla
giru giru la suttana
sona sona tamburreddhu
pizzica pizzica
se sciosciano ‘e femmene ‘nmiez’ ‘e cosce
pizzica pizzica taranta taranta
nun pizzica lycosa a pertosa pilosa
gilosa gilosa
mena mena trase trase
sutta sutta prena prena
e sono qui nel Salento
na zefera ‘e viento
e zizze ‘e na maronna s’asciuttano ‘o sole
e zizze
‘e na maronna
s’asciuttano
‘o sole

*inedito, scritto a Roca , domenica 26 luglio

Print Friendly, PDF & Email
Please follow and like us: